WE ARE THE CAGE

WHAT IS THE CAGE

WHO IS THE CAGE

WHERE IS THE CAGE

PROSSIMI
EVENTI

C’MON TIGRE

C’MON TIGRE

01/02/2020 10:00 pm

C’MON TIGRE

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

01/02/2020 10:00 pm

Associazione Culturale The Cage presentano:
C’mon Tigre in concerto
Sabato 1 Febbraio 2020 – The Cage Theatre Livorno
ingresso € 12 + d.p.
Apertura porte ore 22.00
A seguire MY GENERATION – Cage Night Party, ad ingresso libero
info@thecagetheatre.it – Cageline 346 6881689 // 392 8857139

Prevendite aperte a breve su circuito VivaTicket
puoi acquistare i biglietti online:
tba

puoi acquistare i biglietti presso il punto vendita Vivaticket più vicino a casa tua
https://www.vivaticket.it/ita/ricercapv

puoi acquistare i biglietti, senza alcun costo di prevendita, presso la biglietteria del The Cage, aperta tutte le sere con eventi in programma. Vai su: www.thecagetheatre.it

—————————————————————
C’MON TIGRE
“RACINES”
Tradizione e sperimentazione. Si muovono in bilico tra questi due territori, i C’mon Tigre, duo attorno al quale ruotano musicisti provenienti da più parti del mondo. Ed è un collettivo multicolore, quello che hanno messo insieme per la loro seconda prova, “Racines”.
Il titolo è una parola francese che significa “radici”, laddove le radici sono quelle musicali in cui piedi, testa e cuore dei C’mon Tigre sono immersi, e da cui, con i loro brani contaminati, spiccano il volo per creare ambientazioni sonore inedite. Nel loro nuovo disco i suoni del Mediterraneo – il mare della loro terra – si intersecano, intrecciano e sovrappongono con un caleidoscopio di altre sonorità e un approccio nuovo, basato – spiegano – “sul tipo di lavoro che avevamo fatto riarrangiando il primo album per i live, quindi enfatizzando la parte sintetica dei pezzi”. Quel lavoro, questa volta, è stato portato avanti da subito: “La composizione dei brani ha previsto sin dall’inizio l’utilizzo di macchine e sintetizzatori come base per l’intervento di strumenti acustici. L’obiettivo era di riprocessare in maniera più contemporanea il terreno dell’influenza mediterranea da cui il nostro progetto è indubbiamente partito”.
Le dieci tracce di “Racines” sono nate in momenti di intimità: per i C’mon Tigre il nucleo iniziale di idee compositive deve rigorosamente appartenere alla dimensione dell’istinto, della naturalezza. Ma poi c’è l’urgenza che quel nucleo esploda e dia vita ad altre idee e suggestioni, e affinché ciò accada lo scambio con altri musicisti e la creazione di una famiglia allargata e geograficamente tentacolare è fondamentale. Da qui il coinvolgimento, in questo “Racines”, di Danny Ray Barragan aka DRB, Mick Jenkins, Pasquale Mirra, Beppe Scardino, Mirko Cisilino, Marco Frattini, Jessica Lurie, Amy Denio, Tina Richerson, Sue Orfield, Alessandro Rinaldi, Henkjaap Beeuwkes.
Immaginatevi un cantiere aperto dove bassi e chitarre dialogano con fiati, synth, percussioni, vibrafoni, immergendo l’ascoltatore in un viaggio sonoro sensuale e ipnotico. Salpando dal bacino del Mediterraneo e lasciandosi guidare dalla fascinazione per l’Africa e il Medioriente, i C’mon Tigre danno forma a un linguaggio inedito, originale, fatto di commistioni con il jazz, l’afrojazz, le ritmiche dell’hip hop, il funk, la disco anni Settanta. Il tutto senza mai chiudersi in uno stile, ma spingendo al massimo l’esplorazione quale dimensione che ogni viaggio degno di questo nome dovrebbe racchiudere. “Con i musicisti con cui lavoriamo ci si passa la palla fino alla fine, i brani possono prendere direzioni diverse in ogni momento”.
Il risultato è un disco meticcio, cosmopolita, che sfugge a qualsivoglia etichetta per l’affermazione di un’attitudine libera. Attitudine che ha portato i C’mon Tigre a cercare una connessione con la cultura del dancefloor, pur se intesa solo come evocazione da rivisitare e rimanipolare in modo assolutamente personale. “Per la prima volta abbiamo usato delle voci sintetiche, ma trattate alla maniera primordiale, non con vocoder, ma con dei vecchi talk box che ci hanno dato la possibilità di modulare le parole pilotandone il suono”. Una via, questa, che si abbina a testi che hanno il sapore del racconto cinematografico, non importa si tratti della sceneggiatura noir di “Underground Lovers” – canzone su un’ossessione amorosa che sfocia nel dramma – o della storia retrofuturista di “Behold The Man”, su un uomo adulto che sbarca sul pianeta mondo senza detenere alcuna conoscenza e che si ritrova, dunque, costretto a imparare tutto, compreso il significato della parola “libertà”.
Proprio tale immaginario cinematografico ha spinto i C’mon Tigre a tradurre il loro vagabondaggio sonoro in una forma visuale, sulla scia del discorso avviato con i video

animati realizzati con il pittore Gianluigi Toccafondo e il fumettista croato Danijel Žeželj per i brani del 2014 “Federation Tunisienne de Football” e “A World of Wonder”. Questa volta l’ambizione di fondere musica e immagini è ancora maggiore: “Racines” sarà proposto sia in formato cd sia in una versione “doppio vinile + libro” comprendente un volume da sfogliare durante l’ascolto dell’album, volume che a ogni brano accosta un particolare universo visivo. Qui gli artisti coinvolti sono i fotografi di fama internazionale Harri Peccinotti, ed il serbo Boogie, il pittore Mode 2, lo street artist Ericailcane, il giapponese Shigekiyuriko Yamane, e ancora Stefano Ricci, Maurizio Anzeri, Sic Est, oltre agli stessi Žeželj e Toccafondo. Quest’ultimo, Anzeri e Sic Est firmeranno anche tre video realizzati con tecniche differenti (rispettivamente pittura animata, stop motion e animazione 3D), in accompagnamento ai singoli “Underground Lovers”, “Mono No Aware” e “Behold The Man”, in uscita tra dicembre 2018 e marzo 2019. La chiave è quella di una peregrinazione multimediale che per i C’mon Tigre è conditio sine qua non della loro stessa musica. Lasciatevi contagiare.
About Label
BDC – Bonanni Del Rio Catalog è l’insieme sistematizzato delle attività e
produzioni di Lucia Bonanni e Mauro Del Rio relative ad arte contemporanea e dintorni. È composto da una serie in divenire di eventi, oggetti, luoghi, ognuno identificato da un numero progressivo. Tra gli artisti che sono passati per BDC: Banksy, Luigi Ghirri, Gonjasufi, Patti Smith.
http://www.bonannidelriocatalog.com/
!K7 Records è riconosciuta come una delle etichette più particolari di musica
elettronica. Il successo internazionale ottenuto con artisti come Apparat, When Saints Go Machine, Brandt Brauer Frick e New Look fa di !K7 una delle etichette indipendenti influenti in tutto il modo . Il gruppo di etichette interno a !K7 include Strut, Aus, DJ-Kicks e 7K.
http://www.k7.com/

Muovendosi tra tradizione e sperimentazione, C’mon Tigre è un duo attorno al quale ruota un collettivo multicolore di musicisti provenienti da più parti del mondo.
C’mon Tigre nasce nel bacino del mediterraneo, e germoglia agli angoli delle grandi città raccontando l’Africa, per fascinazione, con una linea curva che parte da San Diego e finisce a Bombay. La radice è il funk, quello sporco, termine con cui gli afroamericani indicavano l’odore del corpo in stato di eccitazione.
Dopo aver pubblicato lo spettacolare film musicale “Federation Tunisienne de Football” nato dalla collaborazione con l’artista Gianluigi Toccafondo, i C’mon Tigre hanno pubblicato il loro primo album nel 2014 che li ha portati a suonare nei principali club e festival italiani ed europei (Roskilde Festival, Fiesta des Suds, Eurosonic Noorderslag)
Racines è il titolo del nuovo album (uscito a Febbraio 2019 per BDC / !K7), una parola francese che significa radici, laddove le radici sono quelle musicali in cui piedi, testa e cuore dei C’mon Tigre sono immersi, e da cui, con i loro brani contaminati, spiccano il volo per creare ambientazioni sonore inedite.
Nel nuovo disco i suoni del Mediterraneo – il mare della loro terra – si intersecano, intrecciano e sovrappongono con un caleidoscopio di altre sonorità e un approccio nuovo, meticcio, cosmopolita, che sfugge a qualsivoglia etichetta per l’affermazione di un’attitudine libera fatta di commistioni con il jazz, l’afrojazz, le ritmiche dell’hip hop, il funk, la disco anni Settanta. La versione Lp comprende un volume da sfogliare durante l’ascolto dell’album, volume che ad ogni brano accosta un particolare universo visivo curato da fotografi, illustratori e street artist di fama internazionale: Harri Peccinotti ed il serbo Boogie, il pittore Mode 2, lo street artist Ericailcane, il giapponese Shigekiyuriko Yamane, e ancora Stefano Ricci, Maurizio Anzeri, Sic Est, oltre agli stessi Žeželj e Toccafondo.
Sic Est e Maurizio Anzeri hanno firmato i primi due video usciti in accompagnamento ai singoli “Behold The Man” e “Mono No Aware”.

80 anni con Fabrizio De Andrè. Consorzio Anime Salve in concerto

80 anni con Fabrizio De Andrè. Consorzio Anime Salve in concerto

08/02/2020 9:30 pm

80 anni con Fabrizio De Andrè. Consorzio Anime Salve in concerto

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

08/02/2020 9:30 pm

Associazione Culturale The Cage, in occasione dell’80° anniversario dalla nascita di Faber, presenta: Consorzio Anime Salve (tributo a De André) in: “Di anime salve e altre ingiustizie” Tour.
Patrocinato dalla Fondazione de Andrè.
Il Consorzio arriva da due anni di live intensi; “Storie di ieri tour” e “Non ci lasceremo mai Tour” hanno riscosso un grandissimo successo.
Nel 2020 si riparte con una nuova stagione di concerti.
Ma in questo periodo, di forti disuguaglianze, di emergenza umanitaria, nel senso stretto significato del termine, ma anche di “emergenza umana”, De Andrè che voce avrebbe avuto?
“Inevitabilmente ci siamo resi conto che molti dei brani di De Andrè, da Anime Salve, A Sand Creek, a brani più complessi, che prendono di mira, le ipocrisie della società di allora, sono assolutamente attuali. Per cui perchè non riprenderli e portarli sul palco? Come se fosse lo stesso Faber, che stufo della situazione tragicomica attuale, si tirasse su e dicesse, “Belin, ora ve ne canto quattro?”. Vero è che De Andrè diceva sempre di non voler insegnare niente a nessuno, ma forse, ora siamo noi a volerci far insegnare qualcosa da lui. (Alessio “Fuser” Castagna/Andrea “Neura Nejrotti cit.)
Brani famosi proposti al fianco di brani meno conosciuti, arrangiamenti classici insieme a rielaborazioni della band. Un viaggio di denuncia e musica che porterà il Consorzio in giro per l’Italia per il biennio 2020/21.
In apertura al live, Jacopo Perosino ed Enrico Ciarlone, due cantautori dello scenario torinese, che collaborano da tempo con il Consorzio.
Per regalare un po’ di umanità e, se possibile, “come diceva Faber “per regalarvi qualche emozione”.
Sabato 8 Febbraio 2020 – The Cage Theatre Livorno
Ingresso € 10 + d.p.
Apertura porte ore 21.30
A seguire MY GENERATION – Cage Night Party, ad ingresso libero
info@thecagetheatre.it – Cageline 346 6881689

Prevendite aperte su circuito VivaTicket
puoi acquistare i biglietti online al link http://bit.ly/consorzioanimesalvethecage

puoi acquistare i biglietti presso il punto vendita Vivaticket più vicino a casa tua
https://www.vivaticket.it/ita/ricercapv

puoi acquistare i biglietti, senza alcun costo di prevendita, presso la biglietteria del The Cage, aperta tutte le sere con eventi in programma. Vai su: www.thecagetheatre.it

A seguire My Generation – Cage Night Party ad ingresso libero
info@thecagetheatre.it – Cageline 392 8857139
—————————————————————
Il Consorzio Anime Salve è un collettivo musicale che nasce nel 2008 dall’entusiasmo e dalla passione per Fabrizio de Andrè di Alessio “Fuser” Castagna, cantante e musicista del Canavese, e Andrea “Neura” Nejrotti, musicista dello scenario emergente torinese. A questo progetto hanno via via aderito negli anni varie personalità musicali del Nord Italia, fino ad arrivare ad oggi a presentarsi con una formazione di 7 musicisti. Lo spettacolo proposto intende riproporre la poesia di Fabrizio de Andrè, cercando un equilibrio tra le varie sonorità e arrangiamenti che ha presentato nella sua carriera. Per questo motivo il Consorzio ha deciso di non sposare questo o quel genere, ma lasciare spazio a tutte quelle contaminazioni che hanno reso celebre anche dal punto di vista musicale la musica di Faber.

Siberia

Siberia

15/02/2020 10:00 pm

Siberia

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

15/02/2020 10:00 pm

Siberia live The Cage
15 feb – Livorno – INGRESSO GRATUITO

“Tutti amiamo senza fine” è il titolo del terzo disco della band livornese SIBERIA, il più diverso, il più vero, un nuovo capitolo con cui dimostrano capacità, dedizione e raffinatezza. Il disco è uscito venerdì 29.11 per Sugar in collaborazione con Maciste Dischi.

“è un mondo misero ma non ci fa paura”

https://orcd.co/tuttiamiamosenzafine
IAN CURTIS https://bit.ly/2L32w79
NON RIESCO A RESPIRARE https://bit.ly/37LpOrK

I Siberia nascono nel 2014 a Livorno, prendono il nome dall’immaginario evocato dal libro di Nicolai Lilin “Educazione siberiana” e sono Eugenio Sournia (voce), Cristiano Sbolci Tortoli (basso), Luca Pascual Mele (batteria) e Matteo D’Angelo
(chitarra). Nel 2016 pubblicano il disco d’esordio “In un sogno è la mia patria” (Maciste Dischi). Subito dopo l’uscita del disco, la band parte in tour che li porta a suonare in tutta Italia con un notevole successo di pubblico. A febbraio 2018 esce “Si vuole scappare” (Maciste Dischi) il secondo album. Il 16 giugno suonano al Firenze Rocks come opening act del concerto dei The Cure. “Tutti amiamo senza fine”, il terzo album dei Siberia, è in uscita il 29 novembre 2019.

Rino Gaetano Band

Rino Gaetano Band

22/02/2020 10:00 pm

Rino Gaetano Band

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

22/02/2020 10:00 pm

«E io ci sto tour 2020»
Rino Gaetano Band in concerto

Ad eseguire il repertorio del grande cantautore è il tributo ufficiale, la Rino Gaetano Band, gestito accuratamente dalla sua famiglia.
La Band contribuisce da oltre vent’anni a tener vive le canzoni di Rino.
I musicisti sono: Alessandro Gaetano (nipote del cantautore), Ivan Almadori, Marco Rovinelli, Alberto Lombardi, Michele Amadori e Fabio Fraschini: un’unica grande famiglia che s’impegna per restituire un po’ del Rino che avremmo sempre desiderato vedere su un palco.

TRES 30° Anniversario

TRES 30° Anniversario

29/02/2020 10:00 pm

TRES 30° Anniversario

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

29/02/2020 10:00 pm

Associazione Culturale The Cage presenta:
TRES in concerto – 30° Anniversario
Sabato 29 Febbraio 2020 – The Cage Theatre Livorno
Ingresso € 8 + d.p.
Apertura porte ore 22.00
A seguire MY GENERATION – Cage Night Party, ad ingresso libero
info@thecagetheatre.it – Cageline 346 6881689 // 392 8857139

Prevendite aperte su circuito VivaTicket
puoi acquistare i biglietti online:
https://www.vivaticket.it/ita/event/tres/144301

puoi acquistare i biglietti presso il punto vendita Vivaticket più vicino a casa tua
https://www.vivaticket.it/ita/ricercapv

puoi acquistare i biglietti, senza alcun costo di prevendita, presso la biglietteria del The Cage, aperta tutte le sere con eventi in programma. Vai su: www.thecagetheatre.it

—————————————————————

La Rappresentante di Lista

La Rappresentante di Lista

07/03/2020 10:00 pm

La Rappresentante di Lista

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

07/03/2020 10:00 pm

Associazione Culturale The Cage & Musicus Concentus presentano:
la Rappresentante di Lista in concerto
Sabato 7 Marzo 2020 – The Cage Theatre Livorno
Ingresso € 15 + d.p.
Apertura porte ore 22.00
A seguire MY GENERATION – Cage Night Party, ad ingresso libero
info@thecagetheatre.it – Cageline 346 6881689 // 392 8857139

Prevendite aperte su circuito VivaTicket
puoi acquistare i biglietti online:
http://bit.ly/LRDL_LIVORNO

puoi acquistare i biglietti presso il punto vendita Vivaticket più vicino a casa tua
https://www.vivaticket.it/ita/ricercapv

puoi acquistare i biglietti, senza alcun costo di prevendita, presso la biglietteria del The Cage, aperta tutte le sere con eventi in programma. Vai su: www.thecagetheatre.it

—————————————————————

Riparte il tour de la Rappresentante di Lista che porta nei club un nuovo allestimento per chiudere il cerchio dell’ultimo disco, Go Go Diva. Uno spettacolo all’interno del quale le canzoni della band fluttuano all’interno di una drammaturgia punk e visionaria, dove il teatro e la musica si mischiano per dare forma a utopie, desideri e lasciare spazio alla meraviglia.

Irene Grandi dal vivo

Irene Grandi dal vivo

14/03/2020 10:00 pm

Irene Grandi dal vivo

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

14/03/2020 10:00 pm

GRANDISSIMO CLUB TOUR

14 MARZO 2020
LIVORNO, The Cage

L’artista fiorentina annuncia le date del tour che la vedrà in alcuni dei principali club italiani a partire da marzo 2020.

Calibro 35 – Momentum Tour

Calibro 35 – Momentum Tour

28/03/2020 10:00 pm

Calibro 35 – Momentum Tour

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

28/03/2020 10:00 pm

Associazione Culturale The Cage & Musicus Concentus presentano:
Calibro 35 in concerto
Sabato 28 Marzo 2020 – The Cage Theatre Livorno
Ingresso € 18 + d.p.
Apertura porte ore 22.00
A seguire MY GENERATION – Cage Night Party, ad ingresso libero
info@thecagetheatre.it – Cageline 346 6881689 // 392 8857139

Prevendite aperte su circuito VivaTicket
puoi acquistare i biglietti online:
https://www.vivaticket.it/ita/event/calibro-35/144248

puoi acquistare i biglietti presso il punto vendita Vivaticket più vicino a casa tua
https://www.vivaticket.it/ita/ricercapv

puoi acquistare i biglietti, senza alcun costo di prevendita, presso la biglietteria del The Cage, aperta tutte le sere con eventi in programma. Vai su: www.thecagetheatre.it

➡️ Ascolta il primo singolo “Stan Lee” feat. Illa J: http://smarturl.it/Calibro35StanLee
➡️ Guarda il teaser di “MOMENTUM”: https://youtu.be/ctJfAzZl4K4
—————————————————————

“La vera generosità verso il futuro consiste nel donare tutto al presente”. Nel 1951 il Premio Nobel per la Letteratura Albert Camus scriveva questa frase facendo tesoro del concetto più antico del pensiero umano da Oriente ad Occidente, lo stesso declamato dai Latini con l’espressione “Hic et Nunc” che è anche fondamento dello Zen, l’arte di camminare sul sottile filo dell’Adesso. A vent’anni dall’inizio del Terzo Millennio, in un’epoca quanto mai sospesa tra nostalgia del passato e ansia per gli scenari apocalittici prospettati quotidianamente dai media, Calibro 35 ferma il tempo realizzando un’opera che fotografa perfettamente il momento e il suo contesto.

“Momentum” – in uscita il 24 gennaio per la milanese Record Kicks – rappresenta un nuovo punto di partenza per una delle formazioni contemporanee che più è riuscita a superare declinazioni di genere e forme espressive, mantenendo una personalità totalmente risconoscibile e apprezzata a livello internazionale. Se dal 2007, anno in cui prende il via l’avventura, il sound espresso dalla band si sviluppa indagando in special modo i suoni di un’epoca passata, Momentum rappresenta la necessaria svolta per sondare come si possa fare musica al giorno d’oggi: una riflessione sull’attualità, capace di far tesoro di ciò che c’è stato per andare oltre, col fermo intento di realizzare un’opera destinata a rimanere, senza correre il rischio di trasformarsi in una bella foto sbiadita sul fondo di un baule.

Una scelta tutt’altro che scontata per la creatura a cinque teste di Cavina, Colliva, Gabrielli, Martellotta e Rondanini, cinque personalità cardine dell’attuale scena musicale nostrana (e non solo) intenzionate a rimettersi in gioco proprio nel momento in cui si affermano su scala globale, raccogliendo attestati di stima tangibili come i campionamenti ad opera di Jay-Z e Dr. Dre e, ancora, firmando colonne sonore per produzioni cinematografiche da Hollywood al Vecchio Continente, sino alla consacrazione sui principali palchi mondiali accanto a mostri sacri come Muse, Sharon Jones, Sun Rae Arkestra e Thundercat.

Per marcare il nuovo inizio le registrazioni sono avvenute nello stesso studio dove Calibro ha realizzato il primo omonimo disco dodici anni fa. La novità è che i suoni scelti oggi per Momentum sono aumentati come la realtà che ci circonda: la paletta di strumenti si amplia ulteriormente incorporando ancora più synth e suoni elettronici ma TUTTO è VERO e reale al 100%. In un mondo dominato da musica programmata, in questo disco tutti gli strumenti sono suonati da esseri umani e i suoni scolpiti da persone in carne ed ossa. In Momentum, infatti, non sono stati utilizzati preset o programmazioni e, se “musica concreta” non fosse per definizione ascrivibile all’elettronica del passato, sarebbe probabilmente l’espressione più azzeccata per questo lavoro.

Il risultato è un disco di rara intensità in cui gli scenari disegnati dai Calibro sono più che mai variopinti, talvolta rarefatti e sognanti ma sempre carichi di energia, grazie ad una sezione ritmica mai doma, che supporta il raffinato lavoro armonico ulteriormente arricchito da nuovi timbri e colori. Come se i Comet is Coming fossero diretti da Morricone, Tortoise e JPEGMafia unissero le forze con DJ Signify e Stelvio Cipriani, producendo un suono senza tempo nè punti cardinali in cui black music e suoni algidi del Nuovo Millennio si fondono offrendo un punto di vista incredibilmente originale sulla contemporaneità.

Tutto questo è il frutto di un lavoro collettivo che vede tutti i Calibro tornare alla base dopo due anni carichi di esperienze individuali in cui sono stati protagonisti di alcuni dei progetti più quotati del momento: I Hate My Village, Arto, The Winstons, alle produzioni di Fatoumata Diawara, C’Mon Tigre e degli Africa Expres Di Damon Albarn, sino ai dischi solisti di Massimo Martellotta e ai tour di 19’40’’ e Mike Patton. Un collettivo di esploratori sonici, liberi per attitudine e al contempo fedeli ad un percorso che li vede ancora una volta uniti nel creare un suono, per sua natura, diverso da tutto il resto che li circonda e, oggi più che mai, attuale.

Se il precedente Decade era la summa di tutto ciò che avevate sentito nei dieci anni precedenti, Momentum è il prequel di quello che potrete sentire nei prossimi dieci. Calibro 35 stavolta non è né un orologio che va in ritardo né uno che va in anticipo: questa volta è un orologio fermo che, come dice Lewis Carroll, è più in orario di tutti perché almeno due volte al giorno segna l’ora perfetta.

Bugo a Livorno

Bugo a Livorno

04/04/2020 10:00 pm

Bugo a Livorno

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

04/04/2020 10:00 pm

Associazione Culturale The Cage presenta:
Bugo in concerto
Sabato 4 Aprile 2020 – The Cage Theatre Livorno
Ingresso € 15 + d.p.
Apertura porte ore 22.00
A seguire MY GENERATION – Cage Night Party, ad ingresso libero
info@thecagetheatre.it – Cageline 346 6881689 // 392 8857139

Prevendite aperte su circuito VivaTicket
puoi acquistare i biglietti online:
https://www.vivaticket.it/ita/event/bugo/146868

puoi acquistare i biglietti presso il punto vendita Vivaticket più vicino a casa tua
https://www.vivaticket.it/ita/ricercapv

puoi acquistare i biglietti, senza alcun costo di prevendita, presso la biglietteria del The Cage, aperta tutte le sere con eventi in programma. Vai su: www.thecagetheatre.it

—————————————————————
Bugo (vero nome Cristian Bugatti) nasce il 2 agosto 1973 a Rho (MI) e cresce a Cerano nel novarese, dove la famiglia si trasferisce poco dopo la sua nascita. Nel 1992 parte per il servizio militare e proprio durante la leva impara a suonare la chitarra.
Forte di questa esperienza, si trasferisce a Milano, sede delle più importanti case discografiche italiane, per tentare la fortuna.

2000 • Esce il primo album, La prima gratta, a cui segue nel 2001 Sentimento Westernato.

2002 • Firma un contratto con la Universal, debuttando sulla scena nazionale con l’album Dal lofai al cisei, che contiene l’inno generazionale Io mi rompo i coglioni. Per lui la critica musicale conia il neologismo fantautore, mentre viene eletto artista dell’anno al MEI di Faenza.

2004 • Viene pubblicato Golia & Melchiorre, doppio album che sarà censurato per i contenuti hot della copertina e del primo videoclip, seguito nel 2006 dal disco Sguardo contemporaneo.

2008 • La svolta elettronica dell’album Contatti, lancia Bugo nelle radio nazionali con i due singoli C’è crisi e Nel giro giusto. Nel 2008 è tra i protagonisti degli Mtv Days mentre l’anno successivo si esibisce sul main stage dell’edizione di Italia Wave 2009.

2011 • Esce Nuovi rimedi per la miopia lanciato dal singolo I miei occhi vedono, che è anche colonna sonora del film Missione di pace, applaudissimo al Festival del Cinema di Venezia, in cui Bugo partecipa anche in veste di attore. Dallo stesso disco viene estratto anche il singolo Comunque io voglio te, mentre il giornale britannico The Guardian inserisce Bugo tra i grandi della musica italiana.

2015 • L’artista firma con la Carosello Records; l’annuncio arriva in contemporanea con l’inserimento del suo volto tra i 100 della musica italiana nello speciale celebrativo targato Rolling Stone.

2016 • È la volta dell’album Nessuna scala da salire preceduto dal tormentone Me la godo: il disco in vinile balza al primo posto delle vendite ufficiali. Nello stesso anno Bugo è tra i protagonisti del concertone del Primo Maggio a Roma in Piazza San Giovanni e dello Sziget Festival di Budapest.

2018 • Viene consegnata ai posteri RockBugo, prima raccolta ufficiale che contiene i suoi brani più amati riarrangiati in chiave rock.
A seguire, nell’estate del 2018, inizia a lavorare al nuovo progetto e alle nuove canzoni con la collaborazione di Simone Bertolotti e Andrea Bonomo.

2019 • Bugo torna in concerto ed è tra i protagonisti di due importanti appuntamenti: Uno Maggio a Taranto e MI AMI Festival a Milano.

Il 22 Ottobre i tipi di Rizzoli hanno pubblicato il primo romanzo di Bugo intitolato La festa del nulla, in contemporanea con la chiusura dei lavori sul nuovo album intitolato Cristian Bugatti che uscirà per Mescal Venerdì 7 Febbraio 2020 e conterrà Sincero, la canzone che Bugo porterà al Festival di Sanremo nella sua 70esima edizione, in coppia con l’amico di sempre: Morgan. Per loro, a dirigere l’orchestra a Sanremo, Simone Bertolotti che con Andrea Bonomo ha prodotto il 9° album di inediti dell’“l’inafferrabile rivoluzionario della canzone italiana”.

bugo.me
www.twitter.com/BugattiCristian
www.instagram.com/b_u_g_o
www.facebook.com/Bugocristian
www.youtube.com/user/bugomusicofficial
open.spotify.com/artist/01U4yWwtUKMckbI55OiT7g

Generic Animal

Generic Animal

21/03/2020 10:00 pm

Generic Animal

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

21/03/2020 10:00 pm

Associazione Culturale The Cage & Musicus Concentus presentano:
Generic Animal in concerto
Sabato 21 Marzo 2020 – The Cage Theatre Livorno
Ingresso € 12 + d.p.
Apertura porte ore 22.00
A seguire MY GENERATION – Cage Night Party, ad ingresso libero
info@thecagetheatre.it – Cageline 346 6881689 // 392 8857139

Prevendite aperte su circuito VivaTicket
puoi acquistare i biglietti online:
https://www.vivaticket.it/ita/event/generic-animal/143994

puoi acquistare i biglietti presso il punto vendita Vivaticket più vicino a casa tua
https://www.vivaticket.it/ita/ricercapv

puoi acquistare i biglietti, senza alcun costo di prevendita, presso la biglietteria del The Cage, aperta tutte le sere con eventi in programma. Vai su: www.thecagetheatre.it

—————————————————————
Generic Animal è lo pseudonimo e progetto solista di Luca Galizia. Luca è nato nel 1995, vive a Milano, viene dalla provincia di Varese ed è pronto a girare l’Italia per presentare dal vivo il suo nuovo album con la sua nuova band.

L’8 novembre 2019 Generic Animal ha pubblicato un nuovo singolo intitolato Sorry e ha lasciato intendere che un nuovo disco è in arrivo ad inizio 2020. Con Sorry, pubblicato da La Tempesta / Island Records, Generic Animal si espone in modo vivido ed intimo, descrivendo un amore a distanza e la solitudine in città. La produzione, curata da Fight Pausa, porta in primo piano l’interazione tra elementi acustici ed elettronici, che collaborano fino all’esplosione di un ritornello memorabile.

Generi Animal esordisce a gennaio 2018 con l’omonimo disco edito da La Tempesta Dischi. L’album è prodotto da Marco Giudici, i testi sono scritti da Jacopo Lietti, il suono va dall’hip-hop all’emo midwest con un pizzico di sapore medievale. Il disco viene accolto molto bene da pubblico e critica e ne segue un tour che lo porta a suonare per più di ottanta serate in tutta Italia.

A luglio dello stesso anno esce Emoranger, il secondo album di Generic Animal prodotto da Zollo e pubblicato da La Tempesta Dischi in collaborazione con Bomba Dischi. È un disco con un imprinting più contemporaneo ed elettronico, in cui Luca canta i suoi primi, personalissimi testi. Nello stesso periodo cominciano le collaborazioni con vari esponenti della scena hip-hop e trap italiana (Ketama126, Massimo Pericolo, Rkomi, Mecna).

🎧 Ascolta Sorry di Generic Animal: isl.lnk.to/sorry

🔎Read More:
https://www.facebook.com/genericanimal/
https://www.instagram.com/generic_animal/

Gulino – Urlo gigante tour

Gulino – Urlo gigante tour

18/04/2020 8:00 pm

Gulino – Urlo gigante tour

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

18/04/2020 8:00 pm

Sabato 20 aprile
The Cage e Woodworm Label presentano
GULINO – Urlo gigante tour

A 4 anni dall’ultimo album dei Marta sui tubi, torna Gulino con un nuovo progetto solista. Rielabora il DNA dei Marta proiettandolo in un universo di beat e poesia, dove note di pianoforte e mantra elettronici si fondono per trovare il senso di una vita. Al centro l’uomo, il padre, l’amante, l’amico, il figlio. Insieme alla nuova vita artistica, Gulino porta sul palco il meglio del repertorio dei Marta Sui Tubi.
__________________________

BIGLIETTI: 15€ in cassa la sera dell’evento
PREVENDITE CONSIGLIATE:

PRESTO TUTTE LE INFORMAZIONI!

Paolo Benvegnù Live

Paolo Benvegnù Live

25/04/2020 10:00 pm

Paolo Benvegnù Live

The Cage - via del Vecchio Lazzeretto 20, 57128 Livorno

25/04/2020 10:00 pm

Il grande ritorno di Paolo Benvegnù con la nuova band nei club di tutta Italia, sarà anticipato dall’uscita del suo nuovo disco.

PREVENDITE–> Disponibili a Breve

Paolo Benvegnù è un chitarrista e cantautore italiano. Anche Mina, ha reinterpretato una sua canzone “Io e Te”; i suoi brani sono stati cantati anche da Irene Grandi (È solo un sogno), Giusy Ferreri, Marina Rei (Il mare verticale).
Paolo Benvegnù è stato il chitarrista-cantante fondatore degli Scisma, imprescindibile gruppo alternative-rock italiano ormai sciolto, con cui ha registrato, prodotto e composto tre dischi su etichetta Parlophone-EMI. Dal 1996 al 2000 la band gardesana è stata vincitrice di Arezzo Wave, e unica band italiana prescelta per i Festival europei “Europa connection”, “Le Primtemps de Bourges” (Francia), ha vinto il Premio Ciampi 1998, e svolto centinaia di concerti in Italia e in Europa.
Dopo lo scioglimento, Paolo Benvegnù inizia nuove collaborazioni e diventa uno dei quattro cantanti del Presepe Vivente (cantante), spettacolo di e con David Riondino e Stefano Bollani.
Instaurato un forte legame con la scena artistica di Firenze, Benvegnù costruisce un proprio studio di registrazione a Prato e, parallelamente alla nuova carriera solista, inizia quella di produttore artistico con tantissimi album lavorati, tra i quali Perturbazione, Terje Nordgarden e Brychan.
Il brano di Paolo “È solo un sogno” viene inserito da Irene Grandi nel suo album del 2003, ed è stato anche incluso nel successivo “Best Of” di Irene in una versione live registrata con Stefano Bollani.
Nello stesso periodo Paolo Benvegnù stringe un accordo con le label toscane Santeria e Stoutmusic che pubblicano il suo primo album solista “Piccoli Fragilissimi Film”. Il disco diventa immediatamente un “classico” del panorama indipendente, ricevendo un ottimo riscontro di pubblico, recensioni entusiastiche e piazzandosi tra i migliori album del 2004.
L’album viene seguito da un lungo tour di oltre 150 date, che riceve il premio come “Miglior Tour 2004” al MEI e si conclude ad ottobre 2005 a Firenze, con un ambizioso spettacolo intitolato “Piccoli Fragilissimi Sport”.
Tra il 2006 ed il 2007 c’è il coinvolgimento di Paolo come artista e come produttore al disco “Cime Domestiche” (RadioFandango/Edel): una riuscita reinterpretazione di brani folk del Trentino in compagnia di Petra Magoni e Ares Tavolazzi.
A fine 2007 Paolo Benvegnù da alle stampe un nuovo EP sulla propria nuovissima etichetta “La Pioggia Dischi”, intitolato “14-19”, il disco crea grande attesa per il nuovo album “Le Labbra”, che esce a febbraio 2008 con distribuzione Venus.
L’album viene accolto immediatamente come uno dei migliori dischi italiani degli ultimi anni e viene accompagnato dal singolo de “Il Nemico”, presentato live anche a Scalo76 su RAI2. A inizio 2009, Benvegnù prende parte al progetto/compilation “Il Paese è Reale” degli Afterhours, con il brano “Io e il mio Amore”;
Il 3 aprile esce l’ EP di Paolo Benvegnù intitolato “500” e lanciato dal singolo “Nel Silenzio”, prodotto da Fabrizio Barbacci (Ligabue, Roy Paci) ed il tour porta Paolo al Primo Maggio a Roma, sul main stage di Italia Wave per concludersi a dicembre 2009 al Circolo degli Artisti di Roma, con Dissolution, il memorabile concerto divenuto nel giugno 2010 un disco dal vivo omonimo che ha dato luogo a un fortunato tour nazionale di oltre venti date nelle principali città italiane.
Nel maggio 2010 Mina esce con il suo nuovo cd “Caramella” nel quale reinterpreta un brano di Benvegnù “Io e te” contenuto nel primo disco da solista “Piccoli fragilissimi film”.
Il video de “Io e il mio amore”, singolo inedito del cd “Dissolution” (2010), vince il Premio Miglior Fotografia al PIVI 2010 , e come miglior brano indipendente 2010 nel concorso TOP INDIES 2010 indetto dal MEI.
Nel febbraio 2011 esce Hermann (la pioggia dischi / venus), il disco viene recensito con favore dai maggiori quotidiani e magazine nazionali, oltre che dalla stampa specializzata e viene presentato in molte trasmissioni di qualità come “Parla con me” di Rai 3” e “Linea Notte” e in numerose trasmissioni radiofoniche.
L’autunno 2011 è una stagione ricca di soddisfazioni per Paolo Benvegnù, che riceve il Premio Radioindie Music Like, come artista più trasmesso dal circuito radiofonico che determina la classifica Indie Music Like.
Hermann si classifica secondo alle Targhe Tenco 2011, nella categoria miglior disco in assoluto dell’anno. Inoltre Paolo Benvegnu’ riceve al MEI il premio come miglior solista dell’anno, Premio Italiano Musica Indipendente 2011 (PIMI) .
Paolo Benvegnù con il suo Hermann Tour partecipa a numerosi eventi di grande prestigio, tra cui La Repubblica delle idee a Bologna, Suo.na a Napoli al Maschio Angioino, “Roma Rock” in apertura ai Cure e partecipa come ospite anche al Premio Tenco al Teatro Ariston di Sanremo e al Premio PIMI al Teatro Kismet di Bari.
Nel 2012 collabora con Marina Rei come coautore e cantante nel brano “I fiori infranti “, contenuto nel disco della cantante romana e partecipa alla compilation Tributo a Ivan Graziani con la canzone “Olanda”.
Nell’Ottobre 2014 esce Earth Hotel per l’etichetta Woodworm Music, distribuito da Audioglobe.
Nel 2015 firma, con Michele Pazzaglia, la sigla del programma “DECANTER” di Radio2.
Sempre nel 2015 pubblica, con gli Scisma, l’EP di inediti “Mr.Newman” (Woodworm Label), a cui segue un minitour di quattro date, tutte sold out.
Il 3 marzo 2017 esce il suo nuovo disco, “H3+”, seguito da un lungo tour.
Il 2018 lo ha visto nuovamente al fianco di Marina Rei nel tour di “Canzoni contro la disattenzione” e con Nicholas Ciuferri nella genesi del progetto “I Racconti delle Nebbie”. Nato come serie di reading-concerti, “I Racconti delle Nebbie” è uscito a marzo 2019 sotto forma di raccolta di narrazioni musicali pubblicata da Woodworm.
All’inizio del 2019 è entrato a far parte della famiglia di Black Candy Records, a Firenze.

SOCIAL